ADRIANO NARDI

 

Ethiopia Room

IRIS STARGATE

2012

pittura vinilica su legno - cm 471 x 936

hand painting vinyl on wood - inch 185,43 x 368,50 

 

(foto Giorgio Benni)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

20 June 2013, Rome Italy - Inauguration of Ethiopia Room, FAO Headquarters.

H.E. Tefera Deberew, Minister for Agricolture of Federal Republic of Ethiopia and FAO Director-General Jose Graziano Da Silva.

Project Management: CSAI of FAO of UN, Designer: Marco Felici, Artistic Installation: Adriano Nardi.

"Il governo della Repubblica democratica di Etiopia ha generosamente finanziato presso la sede generale della FAO a Roma, la ristrutturazione della sala Etiopia, la quale si è appena conclusa, e fu originariamente costruita nel 1964.

La stanza è completamente rinnovata con un nuovo design che fornisce un generale miglioramento dell'ambiente di lavoro il quale può ospitare 88 persone. A riconoscimento dell'impegno del donatore, la progettazione architettonica della stanza dell’Etiopia riflette la cultura e i costumi del paese e rende omaggio alla storia antica di questa terra, culla di civiltà e di religioni che hanno influenzato l'intera umanità.

Il progetto di Marco Felici con il project management CSAI of FAO of UN (Aida Luberto, Marco House, Roberto Bonafede) integra un equilibrio olistico tra uno spazio sacro, ecumenico e spirituale, e gli elementi materiali che potrebbero trasmettere una sensazione di natura, confort e benessere. Elementi architettonici e artistici intendono partecipare e rafforzare questo equilibrio, con un layout dalla forma accogliente: il suolo è come una chiesa scavata nella roccia con il legno naturale sulle pareti e le luci sono come sospese nel cosmo. In linea con le più moderne tecnologie, la camera è dotata di attrezzature all'avanguardia audiovisive e di interpretazione, promuovendo al contempo la sostenibilità ambientale e il risparmio energetico.

L'artista Adriano Nardi è stato invitato a realizzare un'opera permanente sulla parete principale, che onori la cultura e la ricca storia della terra etiope e la sua gente. La composizione pittorica lignea delle figure naturali e simboliche evoca un equilibrio compiuto tra la natura e lo spirito umano. Il dipinto è una elaborazione dell'immagine dell'iris, un fiore che rappresenta la fede, la saggezza, la protezione, il coraggio, portatore di speranza e di augurio. La  geometria fluida mostra i colori della bandiera etiope in fusione con il cielo in alto e le acque in basso. Sul lato sinistro del dipinto, vi è un profilo di una donna che guarda lontano mentre un uomo in abiti tradizionali etiopi entra dal lato destro. La composizione contiene anche elementi naturali importanti per l’Etiopia, come i chicchi di caffè e i fiori di baobab. Verso il centro, il simbolo della doppia elica del DNA, evoca le origini della specie umana, rintracciate negli antichi gruppi etnici che un tempo risiedevano in Etiopia."

(si ringrazia FAO News per le fotografie)

 

 

 

 

home